Giosuè Giuppone motociclista (1907)

Il 1907 fu l’anno del passaggio dalla motocicletta alla macchina da corsa: la prima metà dell’anno Giosuè Giuppone la dedicò alle due ruote, poi da Settembre gareggiò quasi esclusivamente alla guida della vetturetta Lion-Peugeot.

A fine Febbraio prese parte alle gare dell’Esposizione Internazionale d’Automobili di Torino vincendo in macchina e arrivando secondo in moto. Dopo una gara al cardiopalma al velodromo Parco dei Principi di Parigi vinta da Fossier, partecipò al Meeting di Avignone dove vinse quattro gare sprint su cinque, mentre in Belgio, alla classica Settimana Automobilistica di Ostende, arrivò primo nella Gara di 10 chilometri.

Colse poi due prestigiose vittorie durante l’anno: la prima alla Coppa dell’Autociclo-Club di Francia, gara di regolarità a punti per motociclette da turismo, e la seconda al Circuito delle Ardenne in Belgio, dove arrivò primo nella categoria 1/3 lt.

In Italia partecipò alla Coppa Duca degli Abruzzi, arrivando terzo, e alla Susa-Moncenisio, dove terminò ultimo a causa di problemi con le gomme; questa fu la sua ultima partecipazione alla celebre corsa in salita, che gli negò da sempre la vittoria.

Verso fine anno la carriera sportiva di Giuppone virò verso l’automobilismo e da allora gareggiò in motocicletta solo in rare occasioni, continuando comunque a cogliere allori in prestigiose gare europee.

Gare 1907

Criterium Motociclistico dell'Esposizione

Torino (Italia)
Motociclette 1/3 lt.

Una settimana dopo aver vinto la Corsa delle Vetturette all’Esposizione Internazionale d’Automobili di Torino, Giosuè Giuppone prese parte all’ultima gara in programma, il Criterium Motociclistico.

Il circuito usato fu lo stesso della gara automobilistica, ossia Madonna del Pilone (Torino), Pino, Chieri, Andezeno, La Ressa, San Mauro e Torino (36 chilometri), da percorrere due volte, per un totale di 72 chilometri.

Una dozzina di iscritti presero il via suddivisi in due categorie: motociclette da mezzo litro e da un terzo di litro. Giuppone prese parte a quest’ultima su Peugeot modello Tour de France (T.D.F.), piazzandosi secondo dietro a Bonasso su Primus. Monasterolo era atteso al via, ma a causa di disservizi ferroviari dovette rinunciare non essendogli giunta in tempo la motocicletta.

Classifica categoria Motociclette 1/3 lt.
Pos.CorridoreMarcaTempo
BonassoPrimus1h49'26.4"
Giosuè GiupponePeugeot T.D.F.2h26'45"
RRobotti
RM. Borgo
RMicele

Corsa di Motociclette

Velodromo Parco dei Principi, Parigi (Francia)
Velocità

Durante la seconda giornata del meeting di Pasqua al velodromo Parco dei Principi di Parigi, si corse come gara di chiusura un match motociclistico di dieci chilometri tra Giuppone, Henri Fossier e Moreau. Giro dopo giro i concorrenti si scambiarono la posizione di testa sfiorando le balaustre e facendo rimanere il pubblico col fiato sospeso. Giuppone incominciò l’ultimo giro in testa ma Fossier riuscì a superarlo e tagliò il traguardo per primo impiegando 6 minuti e 42 secondi. Giuppone fu secondo a 20 metri e Moreau terzo a un giro.

Avignone - 500 Metri in Salita

Avignone (Francia)
Motociclette leggere

Il Moto-Club Vauclusien organizzò per domenica 14 aprile un Concorso di Motociclette durante il quale i 31 iscritti si misurarono in due prove: una corsa in salita di 500 metri con partenza da fermo (sulla route Gadagne), e il chilometro lanciato (sulla route Thor).

Classifica categoria Motociclette leggere
Pos.CorridoreMarcaTempo
LautierBuchet45.4"
Giosuè GiupponePeugeot46"
Gaillard

Avignone - 500 Metri in Salita

Avignone (Francia)
Motociclette 1/3 lt.
Classifica categoria Motociclette 1/3 lt.
Pos.CorridoreMarcaTempo
Giosuè GiupponePeugeot36.2"
Couche41.4"
Delorme

Avignone - 500 Metri in Salita

Avignone (Francia)
Motociclette senza limiti di forza
Classifica categoria Motociclette senza limiti di forza
Pos.CorridoreMarcaTempo
Giosuè GiupponePeugeot27.4"
Bucquet32"
Camoin

Avignone - Chilometro Lanciato

Avignone (Francia)
Motociclette 1/3 lt.
Classifica categoria Motociclette 1/3 lt.
Pos.CorridoreMarcaTempo
Giosuè GiupponePeugeot46.4"
Gaillard

Avignone - Chilometro Lanciato

Avignone (Francia)
Motociclette senza limiti di forza
Classifica categoria Motociclette senza limiti di forza
Pos.CorridoreMarcaTempo
Giosuè GiupponePeugeot30.4"
Bucquet34.4"
Masson

Coppa dell'Autociclo-Club di Francia

Parigi (Francia)
Turismo, gara di regolarità, motociclette 1/3 lt.

Dal 20 al 23 giugno l’Autocycle-Club de France fece correre la sua Coppa sul percorso Parigi-Ostende-Parigi, 800 chilometri suddivisi in quattro tappe:

  1. 20 giugno - Parigi - Boulogne (270 km.)
  2. 21 giugno - Boulogne - Ostende (125 km.)
  3. 22 giugno - Ostende - Rouen (273 km.)
  4. 23 giugno - Rouen - Parigi (135 km.)

La gara era riservata alle motociclette, ai tricars e alle vetturette di tipo commerciale. Trattandosi di una gara di regolarità con velocità minima e massima stabilita dal regolamento, la classifica era stilata in base ad un sistema di penalizzazioni a punti. Per evitare eventuali pari merito al termine delle quattro tappe, durante la seconda giornata si corse una prova di velocità sulla distanza di 10 chilometri, che avrebbe fugato ogni dubbio sul capo-classifica finale.

Più di 500 spettatori erano presenti alle sei di mattina a Porta Maillot, ammirando i veicoli in attesa dello start. Su 27 iscritti partirono in 26, suddivisi nelle categorie: biciclette a motore, motociclette da 1/4 di litro, da 1/3 di litro, tricars da mezzo litro, vetturette con alesaggio massimo di 90 mm. e di 100 mm.

1907 Parigi-Ostende Giuppone Peugeot
Giosuè Giuppone alla Parigi-Ostende-Parigi su motocicletta Peugeot 1/3 lt., 2¾ HP, accensione ad accumulatore e forcella Truffault (The MotorCycle, 1907)

Essendo Cissac passato alla Alcyon, la Peugeot schierava Giosuè Giuppone nella categoria da un terzo di litro, Moreau e Paul Péan (fedele meccanico di Giuppone nelle corse automobilistiche) in quella da un quarto di litro.

La prova si svolse regolarmente ed al termine delle quattro tappe Giuppone fu proclamato vincitore assoluto. L’affidabilità e la resistenza della motocicletta Peugeot fu confermata nella categoria da un quarto di litro, con Moreau primo e Péan quarto. Giuppone fu l’unico della sua categoria a non subire nessuna penalizzazione e in un commento a caldo rilasciato ad un inviato del giornale L’Auto disse che era stata poco più che una passeggiata.

Giuppone vinse la Medaglia d’Argento dell’Automobile-Club di Francia, mentre la casa Peugeot conquistò la Coppa de l’Autociclo-Club di Francia e la Coppa della città di Ostende.

Classifica categoria Motociclette 1/3 lt.
Pos.CorridoreMarcaPenalità
Giosuè GiupponePeugeot 2¾ HP0
MaillardWerner147
BonnardWerner155
1907 Parigi-Ostende pubblicità Peugeot
Pubblicità Peugeot in occasione dei successi alla Parigi-Ostende (L'Auto, 1907)

Gara di Velocità

Ostende (Belgio)
Turismo, gara di velocità, motociclette 1/3 lt.

Durante la seconda giornata della gara di regolarità Parigi-Ostende-Parigi, venne svolta una prova di velocità sulla route royale, a tre chilometri da Ostende. Il tragitto di cinque chilometri venne cronometrato all’andata e al ritorno, e per la classifica finale valse la somma dei tempi.

Giosuè Giuppone fece registrare il miglior tempo assoluto davanti ai sui due compagni di squadra della categoria un quarto di litro, Moreau (primo di categoria e secondo assoluto col tempo di 9’36”) e Péan (11’11.4”).

Classifica categoria Motociclette 1/3 lt.
Pos.CorridoreMarcaTempo
Giosuè GiupponePeugeot 2¾ HP8'50.2"
MaillardWerner11'39"
BonnardWerner

Ostende - Gara di 10 Chilometri

Ostende (Belgio)
Velocità, motociclette

La Settimana Automobilistica di Ostende si svolse dal 13 al 17 luglio, periodo in cui in Belgio non si parlava d’altro che di motori: la grande prova del Circuito delle Ardenne era ormai alle porte e l’aspettativa era altissima come sempre; il Citerium Belga, riservato alle vetture da turismo, era in pieno svolgimento (vi prese parte Henri Cissac su vetturetta monocilindrica Alcyon); ed infine a metà mese si tenne il Congresso Internazionale di Ostende, dove vennero definiti i regolamenti di gara per il 1908 ed i nuovi limiti di peso ed alesaggio delle vetture da Gran Premio.

Il meeting automobilistico come di consueto prevedeva svariate gare di velocità pura, nonchè le due prove regine del Chilometro Lanciato e del Miglio Fermo. Vi presero parte una quarantina di concorrenti suddivisi in otto categorie da Turismo, tre di Velocità (vetture tipo Gran Premio, tipo Coppa dell’Imperatore e tipo Commissione Sportiva) ed una di motociclette.

La gara inaugurale della riunione si tenne sulla route Royale da Ostende a Blankenberghe e consisteva in una gara sprint di cinque chilometri da percorrere nei due sensi - la classifica era per somma dei tempi. Il più veloce fu Rigal su Darracq, che percorse i dieci chilometri in 5’6.6”, mentre tra le motociclette fu Giuppone ad arrivare primo, impiegando 6’34”.

Classifica categoria Motociclette
Pos.CorridoreMarcaTempo
Giosuè GiupponePeugeot6'34"
ThyckMinerva11'35.2"
1907 Meeting Ostende pubblicità Peugeot
Pubblicità Peugeot: Giuppone vincitore della gara di 10 chilometri al Meeting di Ostende (L'Auto, 1907)

Ostende - Miglio Fermo Andata e Ritorno

Ostende (Belgio)
Velocità, motociclette

La seconda gara a cui prese parte Giuppone al Meeting di Ostende fu il miglio fermo, da percorrere nei due sensi con classifica per addizione dei tempi. La prestazione migliore assoluta la fece il barone Pierre De Caters su Mercedes (1’43.6”) mentre nella categoria motociclette arrivò primo Thyck su Minerva, seguito da Giuppone e Péan entrambi su Peugeot.

Classifica categoria Motociclette
Pos.CorridoreMarcaTempo
ThyckMinerva3'0.4”
Giosuè GiupponePeugeot3'50.4”
PéanPeugeot6'23.0”

Circuito delle Ardenne

Bastogne (Belgio)
Turismo, motociclette 1/3 lt.

Dopo i Gran Premi di Germania e di Francia, vinti entrambi da Felice Nazzaro su FIAT, toccò al Belgio ospitare la sua prova regina, l’ormai mitico Circuito delle Ardenne.

L’organizzazione fu maestosa e si svolsero ben quattro gare in tre giornate: il 25 luglio corsero le vetture della Formule Coupe de l’Empereur (cilindrata massima 8 litri e peso minimo 1175 chilogrammi); il giorno seguente fu il turno delle motociclette; infine il 27 luglio si tenne la corsa per le vetture della Formula Libre e la Coppa Liedekerke per vetture da turismo (cilindrata massima: 3.750 cc).

La manifestazione fu considerata un flop a causa della mancata partecipazione dei costruttori francesi, occupati a preparare le macchine per l’imminente Coppa di Brescia, ultima occasione per rifarsi dalle cocenti sconfitte subite in Germania ed in casa. Nella gara formula Coppa dell’Imperatore il podio fu conquistato dalla Minardi con Moore Brabazon, Koolhaven e Kenelm Lee Guinness in un fazzoletto di un minuto e mezzo dopo sei ore e un quarto di gara; stesso successo della casa belga nella Coppa Liedekerke, con Porlier primo e Brabazon secondo; nella gara Formula Libre la Mercedes arrivò prima con Pierre de Caters e terza con Camille Jenatzy, separati dalla Darracq di Kenelm Lee Guinness.

Il Circuito delle Ardenne per motociclette ebbe luogo il 26 luglio sul circuito Bastogne, Longlier, Offaing, Leglise, Anlier, Habay-la-Neuve, Corne du Bois des Pendus, Martelange, Bastogne - 85.714 km da percorrere due volte.

1907 Circuito delle Ardenne Contant Werner
Contant su Werner, vincitore assoluto al Circuito delle Ardenne (Le Sport Universel Illustré, 1907)

I concorrenti erano suddivisi nella classe Turismo in quattro categorie (un terzo di litro, mezzo litro, tre quarti di litro e un litro), mentre nella classe velocità in due (motociclette leggere sotto i 50 chilogrammi e motociclette pesanti). A differenza delle gare automobilistiche, i costruttori francesi erano ben rappresentati da Griffon, Werner, Albatros, F.N. e Peugeot (quest’ultima schierava Giosuè Giuppone nelle categoria terzo di litro e Pául Pean in quella di un litro).

Alle otto e mezzo di mattina venne dato lo start al primo dei Turisti, Legrand su Albatros, seguito a distanza di un minuto dal suo compagno di squadra Pessé, da Giuppone su Peugeot e via via tutti gli altri. Della trentina di iscritti, presero il via in 23. Al primo giro come previsto passarono in testa le moto da gara, Bucquet su Griffon per primo, seguito da Contant su Werner, poi le moto da Turismo più potenti, Minerva e Saroléa in testa. Giuppone transitò nono con un ritardo di una quindicina di minuti sul primo, mentre Péan, partito a razzo tra l’ammirazione generale, fu costretto al ritiro a causa di un incidente.

1907 Circuito delle Ardenne Giosuè Giuppone Peugeot
Giosuè Giuppone su Peugeot, vincitore della categoria terzo di litro al Circuito delle Ardenne (La Stampa Sportiva, 1907)

Al traguardo la prestazione migliore la fece Contant su motocicletta pesante Werner, terminando in 2 ore, 24 minuti e 14 secondi, alla media di 71.3 km/h. Secondo fu Bucquet su moto leggera Griffon (autore anche del giro più veloce) e terzo Peters su Minerva da Turismo da 1 litro. Nella categoria terzo di litro Giuppone si confermò imbattibile distanziando Pessé su Albatros di un quarto d’ora e segnando l’ottavo tempo assoluto. Saroléa, Minerva e F.N. vinsero le rispettive categorie (tre quarti di litro, un litro, mezzo litro).

Classifica classe Turismo, Motociclette 1/3 lt.
Pos.CorridoreMarcaTempo
Giosuè GiupponePeugeot 2¾ HP2h51'53"
PesséAlbatros3h6'55"
RLegrandAlbatros

Coppa Duca degli Abruzzi

Torino (Italia)
Turismo, motociclette 1/2 lt.

A metà agosto Il Moto-Club d’Italia organizzò il cimento più importante dell’annata, la Coppa del Duca degli Abruzzi, definita Coppa Reale challenge internazionale triennale per coppie di motociclette di una stessa fabbrica.

La gara si svolse in due prove: una di regolarità di 220 chilometri sul tragitto Torino, Chivasso, Ivrea, Cuorgnè, Rivarolo e ritorno, ed una seconda di velocità sul percorso Torino-Colle Sestrières - la partecipazione a quest’ultima era riservata ai concorrenti arrivati entro tempo massimo alla prova di endurance. Il regolamento ammetteva esclusivamente motociclette da turismo in assetto di marcia, di cilindrata massima 500 cc.

1907 Coppa Duca Abruzzi Giuppone Reale
Giuppone, Reale e Cesare Picena al Colle Sestrières (La Stampa Sportiva, 1907)

Il 17 agosto alle 5 e mezzo di mattina presero il via le cinque coppie delle case Rigat (Felice Rigat e Bianco), Peugeot (Giosuè Giuppone e Reale), Borgo (fratelli Borgo), Primus (Rava e Bonasso) e F.N. (Ferrero e Guglielminotti). Durante il percorso si ritirarono le due F.N. e Bonasso, ed alla fine i restanti motociclisti consegnarono le macchine alla giuria, che le rinchiuse in un locale fino alla mattina seguente.

Alla seconda prova dell’indomani - Torino-Colle Sestrières - presero parte 6 motociclette (Rava diede forfait). I fratelli Borgo si ritirarono e giunsero al traguardo le due Rigat e le due Peugeot, ai cui piloti venne consegnata una Medaglia d’Oro.

Classifica Torino-Colle Sestrières
Pos.Num.CorridoreMarcaTempo
2Felice RigatRigat1h40'35.2”
1BiancoRigat1h44'40”
8Giosuè GiupponePeugeot1h53'4"
7RealePeugeot2h3'10"

Susa Moncenisio

Susa, Torino (Italia)
Motociclette 1/4 lt.

Nel 1906 la classica corsa in salita Susa-Moncenisio non ebbe luogo a causa dell’astensione organizzativa da parte dell’Automobile Club di Torino. Nel 1907 successe la stessa cosa, ma il Moto Club d’Italia insieme al giornale La Stampa Sportiva riuscirono comunque ad indire la gara motociclistica, che raccolse circa 25 iscritti.

1907 Susa Moncenisio concorrenti Coppa Stampa Sportiva
I concorrenti alla Coppa Stampa Sportiva alla partenza (Giuppone terzo da destra) (La Stampa Sportiva, 1907)

In palio c’erano la Coppa Stampa Sportiva per la categoria delle motociclette di cilindrata fino a 250 cc. (una coppa challenge dalla conquista impossibile, in quanto doveva essere vinta per tre anni consecutivi per venire assegnata definitivamente) e la Coppa Municipio di Torino per le motociclette fino a 500 cc.

Alle otto di mattina le macchine vennero piombate mentre più di tremila spettatori sparsi sul percorso assistevano alla gara ciclistica organizzata dalla società La Torino. Una ora dopo iniziarono le partenze, che si susseguirono ogni due minuti. Motosacoche e Rigat erano date favorite nelle rispettive categorie, ma nella prima la presenza di Giosuè Giuppone rendeva le cose più incerte.

1907 Susa Moncenisio Giosuè Giuppone Peugeot
Giosuè Giuppone in volata alla Susa-Moncenisio (La Stampa Sportiva, 1907)

Le aspettative della lotta vennero meno a causa di due rotture di pneumatici capitate alla Peugeot di Giuppone, che impiegò più di una ora per concludere la prova. Nella categoria delle motociclette leggere la Motosacoche conquistò l’intero podio con Borgotti, Lorini e Pinna, mentre nelle motociclette da mezzo litro lo stesso exploit lo fece la Rigat, con Bernardo Bianco, Peracchio e Felice Rigat.

Classifica categoria Motociclette 1/4 lt.
Pos.CorridoreMarcaTempo
Jean BorgottiMotosacoche38'49.8"
LoriniMotosacoche41'37"
PinnaMotosacoche44'0.2"
NeroMotosacoche46'57.8"
BonassoPrimus48'41.6"
Amleto BersciaNeckarsulmer51'12.8"
SirioPeugeot54'50"
Giosuè GiupponePeugeot1h5'

Chilometro Lanciato

Evreux (Francia)
Velocità, Motociclette pesanti

Le manifestazioni automobilistiche del 1907 terminarono con il Meeting di Evreux, a una novantina di chilometri da Parigi. Il giornale Les Sports, organizzatore della prova, ripropose un tipo di gara inconsueto: i match in linea, corsi l’ultima volta a Nizza nel 1899. Il programma prevedeva infatti la gara del chilometro lanciato di mattina, mentre di pomeriggio i primi due classificati di ogni categoria si sarebbero sfidati correndo insieme sulla distanza del miglio, in una unica prova con partenza da fermo.

Rigal, sulla Darracq quattro cilindri da Gran Premio, si assicurò la Coppa di Evreux facendo i migliori tempi in entrambe le prove. Fra tutti i Turisti fu Guyot il più veloce, alla guida della Minerva vincitrice alle Ardenne, mentre tra le piccole cilindrate, le Sizaire-Naudin non ebbero rivali.

Giosuè Giuppone era iscritto nella categoria delle motociclette da gara oltre i 50 chilogrammi. La mattina corse la gara del Chilometro Lanciato finendo dietro a Grapperon di un secondo. Non risulta aver poi preso parte alla corsa sul miglio.